top of page

Rapporto attività SMOM 2020 - 2022


L’associazione realizza programmi di cooperazione allo sviluppo nei paesi a basso reddito per il rafforzamento di sistemi sanitari nazionali, lo sviluppo socio economico e l’emancipazione sociale. Nell’ultimo tirennio d’attività si sono perfezionate collaborazioni e accordi istituzionali con ministeri della salute ed università in Burundi e Répubblique Centrafricaine. Si è realizzata la formazione universitaria di specialisti in salute orale, e con essi, la realizzazione di una rete di servizi preventivi ed assistenziali su tutto il territorio burundese. Un Sistema sanitario nazionale sostenibile capace di garantire cure odontoiatriche conservative degli elementi dentali in tutti gli ospedali regionali, distrettuali e dispensari più delocalizzati. Attualmente sono milioni i potenziali beneficiari delle decine di ambulatori operativi in diversi paesi.

Lo sviluppo della salute non può essere disgiunta dal contrasto alla povertà, prima causa di malattia nel mondo.


SVILUPPO E SALUTE UN BINOMIO INDISSOLUBILE


Continuano le attività produttive capaci di trasformare economie informali di sussistenza in economie reddituali, valorizzando in diverse comunità, beni ambientali e umani presenti. In Benin i primi diplomi ed avviate le prime attività produttive. In Burkina Faso nel centro di formazione e produzione nel villaggio di Boussouma, attivo dal 2010, superata la produzione ed esportazione di 110.000 saponette al burro di karité, 130.000 confezioni di passata di pomodoro e 10 tonnellate di burro di karitè. Progetti che contrastano le cause della migrazione e favoriscono il rientro guidato dei migranti nei villaggi.


BURUNDI – Speranza di vita 61 anni, mortalità infantile 54/1000, in Italia 5/1000 e 12 milioni di abitanti.

Realizzare un Sistema sanitario nazionale per la salute orale. SMOM opera in Burundi dal 2013 e dal 2016, avendo trovato nel paese 10 dentisti per 10 milioni di abitanti, ha iniziato un programma d’intervento per la formazione universitaria di specialisti in salute orale e la realizzazione nei più importanti ospedali del paese di servizi ospedalieri per soccorrere la popolazione. In accordo col Ministère de la Santé Publique et de la lutte contre le Sida sono stati attivati e sostenuti 19 servizi

ospedalieri capaci di erogare terapie conservative. Il programma ‘Santé Bucco-dentaire au Burundi’, in corso di realizzazione, prevede entro il 2025 che tutte le 18 provincie del Burundi abbiano un presidio preventivo-assistenziale di riferimento regionale, diversi servizi negli ospedali di distretto e saranno raggiunti i dispensari più delocalizzati per le cure di primo intervento. Il programma d’intervento ha realizzato progetti sui singoli ospedali con la donazione delle attrezzature, dei materiali e il sostegno economico dell’operatore specialista per i primi 6 mesi d’attività. Successivamente sarà integrato nell’organico dell’ospedale. Sono stati laureati da questo intervento dal 2016 al 2022, all’Université de Ngozi 33 Thérapeutes Dentaires, al termine di tre corsi triennali condotti dai volontari di SMOM. Nel 2022 sono iniziate le attività per la formazione continua post laurea. A Bujumbura nell’aprile si è condotto il primo Congrès de Médicine Dentaire in accordo col Ministero della salute burundese e le associazioni dei dentisti locali. Dal mese di dicembre 2022 si è attivato un corso di primo livello di Orthodontie Pédiatrique di 4 mesi nelle città di Bujumbura ed Ngozi con certificazioni finali dell’Université de Ngozi. Al Ministero della salute burundese sono state consegnate le ‘Lignes guides nationales pour la promotion et la prévention de la santé bucco-dentaire, des pathologies orales de l’âge adulte et du Noma’ per consentire la gestione del sistema sanitario nazionale che il programma in atto sta realizzando.


L’Hopital de Déuxieme Réference de Ngozi è la sede di riferimento nazionale per le attività associative di formazione universitaria, assistenziali ed organizzative. SMOM ha allestito a Ngozi un reparto ospedaliero di 300 mq con aule, 6 unità operative ed un laboratorio. Vi è ‘Casa SMOM’ dove i volontari risiedono e organizzano i programmi preventivi, epidemiologici e gli accordi con i partner ospedalieri. Le attività assistenziali vengono condotte dai terapisti coadiuvati dai volontari SMOM.


I pazienti all’ospedale di Ngozi vengono da tutto il Burundi

Gael Hitimana, responsabile paese, coordina gli interventi inviando le attrezzature e materiali in tutto il paese per completare il programma d’intervento cofinanziato dall’Unione delle Chiese Metodiste e Valdesi. Gli ambulatori ospedalieri che attualmente possono assicurare terapie conservative grazie all’intervento di SMOM sono 19 in 11 provincie del paese.

La Clinique Prince Louis Rwagasore, la Clinique Monsieur Joseph Germain Martin de Ngozi, l’Hopital National de la Police, l’Hopital de Deuxième Référence de Ngozi; l’Hopital de Deuxième Référence de Rumonge, l’Hopital de Deuxième Référence de Bururi, l’Hopital de Buye, l’Hopital Renato Monolo de Kiremba, l’ Hopital de Mivo, l’Hopital de Mutaho, l’Hopital de Muyinga, l’Hopital de Kayanza, l’Hopital Saint Thérese de Songa, l’Hopital de Muramvya, l’Hopital de Rutana, l’Hopital de Karusi e Centre de Santé a Gitega, Muray e Bugwana. Prima dell’arrivo dell’associazione SMOM in Burundi non si conoscevano ambulatori pubblici e forse anche privati che potessero garantire terapie conservative, e non solo estrattive.


Con l’organizzazione del primo congresso di odontoiatria burundese a Bujumbura il 15 e 16 aprile 2022, con il Patrocinio della Ministra della sanità burundese, si è sancito la completa emancipazione del sistema sanitario nazionale per la salute orale in Burundi. SMOM dopo aver realizzato corsi universitari triennali per la formazione di Thérapeutes Dentaires, laureando 33 studenti, ha in programma di condurre un corso Master biennale per consentire ai laureati di aver l’abilitazione all’insegnamento rendendo totalmente autonomo l’Université de Ngozi per la formazione dei corsi. Il congresso ha posto l’accento alla necessità di una formazione continua. Nel mese di dicembre 2022 è iniziato un corso di primo livello in Orthodontie Pédiatrique nelle città di Bujumbura e di Ngozi condotto sino al mese di aprile dall’ortodontista specialista dr. Chiara Cattaneo.



BURKINA FASO : tasso di alfabetizzazione 36 %, speranza di vita 61 anni, mortalità infantile < 5 anni 52/1000.

BOUSSOUMA- Presso una zona rurale semiarida priva di strade, energia elettrica, con poche scuole e fonti d’acqua, si è realizzato con successo un modello di sviluppo sociale ed economico sostenibile. Il programma, sostenuto dal rientro guidato di migranti dall’Italia, ha attuato progetti di scolarizzazione, emancipazione sociale ed economici creando le condizioni per interventi sostenibili di tipo sanitario.

Presso il centro produttivo dell’associazione ‘Femmes Actives de Boussouma’, realizzato nel 2010 da SMOM, l’associazione ha sviluppato attività di formazione professionale e produzione artigianale, fonte di emancipazione e reddito diretto per 100 donne e per altre 100 famiglie per la fornitura delle materie prime, pomodori, legna e noci di karité. Questa iniziativa imprenditoriale è leader nel paese per la produzione di passata di pomodoro e nell’esportazione in Europa di prodotti derivati dalla lavorazione diretta delle noci dell’albero del karitè. La struttura di trasformazione garantisce l’acquisto ad un prezzo equo per i produttori e i raccoglitori locali. In questi anni le donne di Boussouma hanno prodotto e commercializzato oltre 130.000 confezioni di passata di pomodoro, 10 tonnellate di burro di karitè e 110.000 saponette artigianali, in buona parte esportate. Il successo del progetto ha portato, in questi anni, a coinvolgere sempre più donne nelle attività e alla costruzione di ambienti di lavoro sempre più ampi sino ad arrivare ad oltre 400 mq, ambienti distinti per la formazione ed per ogni fase lavorativa. Il progetto è stato realizzato grazie al contributo economico dell’assicurazione SAI, dell’azienda Trafiltubi e Verralia per la fornitura delle bottiglie.


BENIN - Analfabetismo 57,6%, Speranza di vita: 67 anni, mortalità infantile: 59/1.000 in Italia 3/1000

A Peporyiacou è stato costruito un centro polifunzionale per l’istruzione professionale di ragazzi, con particolare attenzione ai soggetti sordi. Le attività di qualificazione professionale si sono avviate nel 2019, in collaborazione con le Suore della Congregazione di San Filippo Smaldone e finanziato dal Pio

Istituto dei Sordi, dall’associazione i Matt’Attori e SMOM. Corsi riconosciuti dal governo beninese, di cucito e cucina, diretti ai bimbi sordi del nord del Benin. La malaria, endemica in quelle regioni, può lasciare un effetto permanente devastante: la sordità. Questa disabilità purtroppo si traduce molto spesso nell’abbandono di questi bambini presso un Convitto gestito dalle Suore Salesiane dei Sacri Cuori. In questo Convitto i bambini vivono con loro coetanei udenti e ottengono una scolarizzazione minima attraverso il linguaggio dei segni, ma non hanno ancora un futuro. In questo ‘Centro di Formazione al Lavoro’ si sono attivati i corsi per dare competenze lavorative a questi bambini : sarti e cuochi tutti mestieri che poi, con un piccolo investimento di attrezzature, si riveleranno strumenti meravigliosi per presentarsi al mondo del lavoro. I primi diplomati di questi anni sono già pienamente occupati. Borse di studio per i ragazzi sordi più meritevoli così che possano proseguire


DJOUGOU L'ambulatorio odontoiatrico del centro San Camillo è pienamente operativo. Abbiamo costruito l’immobile e reso l’ambulatorio sostenibile in una regione che non ne aveva nessun servizio assistenziale.

REPUBLIQUE CENTROAFRICAINE- alfabetiz. 57 %, speranza di vita 52 anni, mortalità infantile 91/1000

Qualificare all’Université de Bangui i primi Dentisti laureati nella République Centrafricaine.



Un paese con 5 milioni di abitanti ma solo 7 dentisti che operano nella capitale Bangui. In accordo con il Ministère de la Santé et de la Population, l’Université de Bangui e l’associazione italiana ‘Amici per il Centrafrica’sono iniziati i corsi triennali per personale specialistico in salute orale presso il centro medico ‘Mama Carla’. I primi specialisti saranno laureati nel paese nel 2023 con la qualifica di Techniciens Supérieur enOdontostomatologie (TSO). Con la cessazione delle principali ostilità provocate dalla guerra civile, l’associazione è riuscita ad attivare questo progetto portando il materiale didattico e l’esperienza maturata in Burundi anche in Centrafrica.


L’associazione Amici per il Centrafrica’ per questo progetto ha costruito il centro odontoiatrico composto da 7 unità operative e laboratorio protesico utilizzando un finanziamento della Confederazione Episcopale Italiana CEI. SMOM ha sovrainteso alla stesura del programma d’intervento, agli acquisti, alle attività sino all’invio e sostegno economico di un terapista dentale burundese che un progetto associativo ha laureato in Burundi, per la conduzione delle attività assistenziali e tutoraggio degli studenti. Il progetto è reso possibile dalle missioni dei volontari dell’associazione e dalla fondamentale collaborazione di alcuni dentisti centrafricani conducono insieme ai volontari SMOM le attività didattiche. Il progetto prevede al termine del triennio, il supporto e l’affiancamento ai giovani professionisti per favorire il loro insediamento in centri sanitari rurali in un territorio grande il doppio dell'Italia. Il paese è molto vasto e l’unica università del paese è nella capitale Bangui. Il costo della vita è molto alto ed è difficile da una città di un’altra regione poter venire a studiare a Bangui. Per favorire la diffusione dell’assistenza nel paese si metteranno a disposizione 6 borse di studio per studenti fuori sede grazie al contributo economico dall’Unione delle Chiese Metodiste e Valdesi.


Progetti Rainbow con il periodo pandemico si è concluso il progetto in Guatemala e sono state fatte delle missioni esplorative per sostenere progetti a Zanzibar e in Cambogia già in corso d’attuazione.


TANZANIA - tasso di alfabetizzazione 72%, aspettativa di vita 62 anni, mortalità infantile < 5 aa 54/1000

Sull’isola di Unguja a Zanzibar, SMOM ha attivato dal 2011 un ambulatorio odontoiatrico nel villaggio di Kitope. Dopo una pausa, vi è stato il cambio del responsabile del complesso sanitario, con l’immediata conseguenza della richiesta da parte della Diocesi di tornare ad occuparci dell'ambulatorio odontoiatrico. E' stato incaricato un dentista tanzaniano, dott. Charles, di occuparsi delle attività assistenziali e SMOM ha aperto un nuovo protocollo d'intesa con la Diocesi che prevede un aiuto economico e terapie gratuite per i pazienti sotto i 14 anni. E’ in corso un cambio di sede del progetto.




MADAGASCAR - Analfabetismo 57,6%, Speranza di vita: 66 anni, mortalità infantile: 44/1.000

Offrire assistenza odontoiatrica alle popolazione delle isole. Nel 2015 è stato varato un progetto di collaborazione tra SMOM e la “ELPIS nave ospedale”, una onlus di Trapani. L’obiettivo è quello di offrire assistenza sanitaria alla popolazione dei villaggi costieri del versante nord-occidentale dell’isola, dove l’arrivo via mare e gli eventuali spostamenti all’interno con piccoli mezzi su ruote potrebbero soccorrere una vasta popolazione. La dotazione odontoiatrica è composta da attrezzature trasportabili compreso un riunito su ruote ed un apparecchio radiografico. La nave arrivata in Madagascar e dopo un lungo viaggio in cui ha operato in Senegal, Gambia, Angola, Sao Tome e Ghana. Si è elaborato un nuovo progetto sull'isola di Nosy-Komba per la prevenzione, cura e la riabilitazione protesica delle patologie orali.


INDIA - tasso di alfabetizzazione 66%, Speranza di vita 64 anni, mortalità infantile < 5 aa 47/1000.

ALLIPALLY: Si è in attesa di riprendere le missioni di dentisti volontari presso l’ambulatorio odontoiatrico e il laboratorio protesico. In un villaggio dell’Andhra Pradeh, si assistono i ragazzi dell’istituto e la popolazione rurale dei villaggi dal 2006, un bacino d’utenza di 3000 persone. I volontari hanno garantito in questi anni oltre 8.000 prestazioni documentate vista l’impossibilità di reperire personale locale.



VIJARAWADA: Il progetto odontoiatrico iniziato nel 1999 presso la casa d’accoglienza Deepanivas per la formazione per bambini di strada ha visto molti volontari italiani impegnarsi a sostenere la salute orale dei ragazzi ospitati. Attualmente è aperto un altro studio odontoiatrico presso i Salesiani della città.


PERU’ L’ambulatorio di San Marcos a 3000 metri sulle Ande della Cordigliera Blanca è oramai condotto in forma privata. Continua la collaborazione con la missione a Lima nel Barrio Rimac per sostenere la formazione scolastica di studenti indigenti


167 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page